Breaking News
Home / Politica / Comune / “Giardini di Montalto”: proprietà del Comune o della Curia? La lettera dell’Assessore Ialacqua
“Giardini di Montalto”: proprietà del Comune o della Curia? La lettera dell’Assessore Ialacqua

“Giardini di Montalto”: proprietà del Comune o della Curia? La lettera dell’Assessore Ialacqua

L’assessore all’Ambiente, Daniele Ialacqua, ha scritto una lettera indirizzata a tutte le principali figure istituzionali competenti per la vicenda, Sindaco compreso, per sollecitare la costituzione di un gruppo di lavoro che accerti la titolarità della proprietà dei “Giardini di Montalto”.

La vicenda vede il Comune rivendicare la proprietà del luogo in forza di atti in possesso dell’amministrazione. Da questi risulterebbe che il terreno, già registrato al Catasto come area di proprietà comunale, sia censito nell’inventario dei beni comunali.
In aggiunta a ciò, dagli stessi atti, risulterebbe di proprietà comunale non solo l’intero giardino ai piedi del Santuario, ma anche il cosiddetto “giardino nascosto”, situato nelle immediate vicinanze. Quest’ultimo, attualmente nella disponibilità del Santuario e non ancora dato in affidamento a Puliamo Messina, associazione che gestisce il resto del giardino.

Stando alla lettera di Ialacqua, peraltro, la Curia “non ha fornito alcuna documentazione che possa attestare la proprietà in capo al Santuario di Montalto”.

E dunque, in considerazione del verbale firmato lo scorso 9 agosto dal Sindaco di Messina, dall’Assessore all’ambiente, dal Direttore dell’ufficio amministrativo diocesano, dal parroco Rettore del santuario di Montalto e dal legale della parrocchia di Montalto, che lo hanno sottoscritto con il proposito di costituire una commissione paritetica per determinare la titolarità della proprietà dei Giardini, l’Assessore Ialacqua conclude la sua missiva esortando le parti in causa a dare seguito alla costituzione di tale commissione sottolineando come “si ritiene in particolare che la procedura debba essere avviata dall’ufficio gabinetto del sindaco per l’impegno che il sindaco stesso ha assunto in prima persona per dirimere la questione

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su