Breaking News
Home / Cultura / Arte e Libri / L’arte del traforo di Pippo Celi: antiche tradizioni milazzesi
L’arte del traforo di Pippo Celi: antiche tradizioni milazzesi

L’arte del traforo di Pippo Celi: antiche tradizioni milazzesi

In una piccola frazione di Milazzo, precisamente a Santa Marina, si trova un laboratorio del traforo dal gusto antico e raffinato. Pippo Celi, l’artista del legno, pratica questo hobby da quando aveva 13 anni, ne era rimasto affascinato vedendo il suo professore lavorare il legno durante l’ora di educazione tecnica. Il materiale di base utilizzato è il compensato di 3 o 4 mm, che è abbastanza robusto e si lavora facilmente con l’archetto da traforo. Il suo archetto è elettrico, davvero originale, costruito da lui stesso con il motorino di una lavatrice e il pedale di una macchina da cucire antica.

Per costruire gli oggetti Pippo Celi segue questo procedimento: dopo aver ritirato i suoi disegni, li incolla sul legno; poi taglia i pezzi con il seghetto, toglie il disegno scartavetrando il legno e per ultimo unisce i pezzi con la colla. Per ottenere buoni risultati si deve fare ogni operazione senza fretta.
Se si desidera un effetto lucido poi si passa un impregnante adatti, oppure si può passare della cera per un effetto anticato.
Adesso l’artista del legno di anni ne ha 72, eppure la sua passione non si è mai arrestata.
La sua arte ha fatto pure beneficienza. Il 3 aprile 1988 Pippo Celi è stato ospite al programma televisivo “Piccoli e grandi fans” condotto da Sandra Milo e trasmesso su Rai 1. Il ricavato della vendita all’asta delle sue opere è stato devoluto ai bambini non vedenti. Una miniatura di una camera da letto completa in stile d’epoca, un orologio olandese, una carrozza del 1700, un portagioie intarsiato, un quadro riproducente un giardino giapponese con alberi di ciliegio e altri oggetti son stati messi all’asta del programma. E proprio il quadro è stato acquistato da un ambasciatore giapponese. Una grande soddisfazione per Pippo, che di opere in questi lunghi anni ne ha realizzate a centinaia, esponendole nelle fiere paesane, girando così tutta la provincia di Messina.
Se è vero che l’opera loda il maestro, possiamo dire che Pippo Celi è davvero un grande artista, capace di trasformare un sottile strato di legno in opere meravigliose!
E nonostante l’età, Pippo è un tipo social che ha perfino una pagina Facebook: l’arte del traforo di Pippo Celi.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su