Breaking News
Home / Politica / Fapi,Sciotto”In questo clima di incertezza molti non riapriranno”
Fapi,Sciotto”In questo clima di incertezza molti non riapriranno”

Fapi,Sciotto”In questo clima di incertezza molti non riapriranno”

Fase Due sì, ma molti potrebbero non riaprire. È la prospettiva delineata dal presidente nazionale della Fapi Cesac Gino Sciotto. Sulla decisione di molti potrebbe pesare il clima di forte incertezza per le piccole e medie imprese di commercio e turismo. “Anche con una ripartenza graduale a partire dal 4 maggio – spiega Sciotto – pubblici esercizi, attività ricettive, commercianti non alimentari e ambulanti potrebbero decidere di non aprire.

Troppo forte la crisi che si delinea senza reali prospettive di ripresa. Servono misure governative a lungo respiro per assicurare liquidità alle imprese. Sono necessarie – per il presidente Sciotto – forme di indennizzo a fondo perduto commisurati al valore dei mancati redditi, e protocolli chiari da adottare dopo il 4 maggio, senza la grande confusione che regna oggi”.


E sul turismo, la posizione della federazione piccole e medie imprese è chiara: “E’ impensabile lasciare il turismo estivo che tanto dà economicamente alle regioni del sud Italia, al proprio destino. L’emergenza sanitaria è una priorità ma bisogna lavorare da subito per trovare soluzioni che salvino la stagione turistica ormai imminente.

A rischio chiusura migliaia di locali, bar, ristoranti, alberghi e stabilimenti balneari. E’ una crisi inimmaginabile per il comparto – continua Sciotto – la stagione primaverile è già archiviata con perdite di almeno trentacinque milioni di euro e migliaia di posti di lavoro persi.

Non possiamo rischiare di azzerare il turismo nel 2020. Governo e Regioni lavorino da subito per un crono programma che consenta riaperture graduali e in sicurezza, in tutta Italia. Serve un adeguato supporto alle imprese, con immediata liquidità delle aziende, e prospettive per la riapertura”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su