Breaking News
Home / Cultura / Arte e Libri / Presentato a Villafranca Tirrena il libro“Si Resti Arrinesci”
Presentato a Villafranca Tirrena il libro“Si Resti Arrinesci”

Presentato a Villafranca Tirrena il libro“Si Resti Arrinesci”

Si è svolta con successo nei giorni scorsi, presso l’Aula Consiliare del Comune di Villafranca Tirrena, la presentazione del libro “Si Resti Arrinesci”, scritto con il contributo del movimento siciliano omonimo e dalla redazione di Antudo.info, rappresentati rispettivamente da Gianmarco Codraro e Domiziana Giorgianni.

A discutere a nome del settore istituzionale, il Sindaco di Villafranca Tirrena Matteo De Marco, i due
Assessori alle Politiche Giovanili Antonino Costa (Villafranca Tirrena) e Caterina Capilli (Saponara), e
l’Esperto alle Politiche Giovanili del Comune di Messina Salvatore Ingegneri. Sono intervenuti nel corso dell’incontro culturale, i membri della costituenda Consulta Giovanile di Rometta, l’Associazione Rivivere a Colori di Saponara, e i movimenti politici Giovani per Villafranca e Villafranca Tirrena in Azione. A moderare i partecipanti e gli interventi è stato il Presidente della Consulta Giovanile di Villafranca Tirrena, Gabriele Maimone, che si dichiara «soddisfatto per i vari obiettivi raggiunti con questa presentazione. Insieme
alla diffusione di cultura e informazione, la Consulta è stata lieta di avere posto all’attenzione del pubblico un fenomeno che dovrebbe destare l’interesse della società, ma anche della classe politica. Inoltre, l’obiettivo di permettere un confronto attivo su temi caldi come quelli del lavoro e dell’emigrazione siciliana, è un punto di partenza per definire le criticità e trovare una soluzione funzionale alla loro risoluzione».

Le attività della Consulta non si fermano con l’evento di ieri, da quanto traspare dalle parole del Presidente Maimone :
«Mantenendo sempre i relativi accorgimenti anti-COVID, speriamo che le attività di confronto dal vivo possano riprendere a pieno regime. La Consulta continuerà a lavorare sui temi della cultura, dell’educazione in tutti i settori di interesse giovanile e, ovviamente, sulle politiche per le nuove generazioni. Nei prossimi
mesi continueremo con la proposta e il supporto ad attività per il territorio, lavorando sulla necessità di dialogo e sulla partecipazione attiva della cittadinanza al confronto con le istituzioni e il resto della collettività».

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su