Breaking News
Home / Cronaca / “Open weekend” a Messina, vaccino AstraZeneca: niente prenotazione e orari in base all’età
“Open weekend” a Messina, vaccino AstraZeneca: niente prenotazione e orari in base all’età

“Open weekend” a Messina, vaccino AstraZeneca: niente prenotazione e orari in base all’età

Un ‘open weekend’ in programma a Messina per ricevere il vaccino Vaxzevria (ex AstraZeneca). Invitate ad aderire le persone dai 60 ai 79 anni senza patologie o fragilità. Nei giorni di venerdì 16, sabato 17 e domenica aprile gli interesaari dovranno recarsi in alcuni centri vaccinali della provincia di Messina. L’obiettivo è quello di ritornare ad essere tra le prime regioni italiane per adesione alla campagna vaccinale. In città, saranno coinvolti l’hub in Fiera e gli ospedali Piemonte e Policlinico, mentre in provincia i centri di Sant’Agata di Militello e Patti. Anche Mistretta aderisce, ma soltanto nei giorni di sabato e domenica nella fascia dalle 8 alle 14. Al fine di velocizzare la procedura gli utenti potranno compilare a casa il modulo e portarlo già firmato passando direttamente dall’accettazione, procedendo all’anamnesi andando a colloquio con il medico che valuterà le eventuali inidoneità ad AstraZeneca e sua somministrazione.

Un incontro sul tema si è svolto in Prefettura. Presenti il commissario ad acta per l’Emergenza Covid di Messina, Alberto Firenze, e il direttore generale ff Asp Messina, Bernardo Alagna, al fine di evitare assembramenti e contagi. A seguito dell’incontro, la richiesta rivolta agli utenti è stata quella di una massima collaborazione. Dovranno presentarsi in determinate fasce orarie in base alla fascia d’età: le persone più grandi dai 71 ai 79 anni preferibilmente la mattina, dalle ore 8 alle 12; chi ha dai 65 ai 70 anni invece nel secondo turno, dalle ore 12 alle 16; infine, i meno giovani, dai 60 ai 64 anni, dalle 16 fino alle 20 e, per la Fiera, fino alle ore 22 (per Mistretta invece, essendo solo mattina, non viene rispettata la divisione per fascia d’età).

Pronte circa 100mila dosi Vaxzevria disponibili nell’Isola, 9mila quelle pronte ad essere inoculate nel Messinese. È stato osservato che il rischio di trombosi è pari allo 0,0004%, ossia, in altri termini, sono 4 i casi ogni milione di abitanti. Nel caso di contagio Covid il rischio trombotico raggiunge quota 16,4% con 165mila casi ogni milione di abitanti. Nei soggetti fumatori il rischio di trombi è superiore al vaccino con percentuale 0,18% (1763 casi su ogni milione) e per chi fa uso della pillola anticoncezionale va dallo 0,05% allo 0,12% (500/1200 casi ogni milione). Ad emergere, dunque, i benefici della vaccinazione sui rischi di qualunque atto medico.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su