Breaking News
Home / Cronaca / Messina, maxi frode fiscale internazionale: sequestrati oltre 7,5 milioni
Messina, maxi frode fiscale internazionale: sequestrati oltre 7,5 milioni

Messina, maxi frode fiscale internazionale: sequestrati oltre 7,5 milioni

Una maxi frode fiscale attuata con un tesoretto nascosto, frutto di evasione fiscale, costituito in beni immobili e partecipazioni societarie in Tunisia e a Malta. Sequestrati beni per oltre 7,5 milioni di euro tra conti correnti e rapporti bancari intestati agli amministratori di diritto/di fatto e alla Srl, oltre a quote societarie e beni immobili tra cui quelli in dotazione ad un “sham trust” (simulato) di diritto maltese.

Hanno eseguito i provvedimenti di perquisizione e sequestro, rispettivamente emessi dalla Procura della Repubblica e dal Tribunale di Messina, i Finanzieri del Comando Provinciale di Messina, Nucleo PEF Messina. Misura ablativa disposta ai fini della confisca fino alla concorrenza di complessivi euro.

GdF Messina

La società indagata, che operava nel settore delle pulizie, ha maturato nel corso degli anni un elevato debito tributario nei confronti dello Stato, a seguito del perpetrarsi di una sistematica evasione fiscale. Ecco come si procedeva. La società veniva completamente svuotata, depauperata cioè di tutte le consistenze sia finanziarie che economiche in favore di una ‘new company’ con uguale oggetto sociale. Allo scopo di blindare Il tesoretto sottratto alla tassazione fiscale, l’imprenditore messinese aveva provveduto a costituire uno shan di diritto maltese, nel quale ha fatto confluire il proprio illecito patrimonio.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su