Breaking News
Home / Politica / Comune / L’aggressione al dipendente comunale, anche il M5S contro il clima avvelenato dalle dirette del sindaco. D’Uva: “si mantengano bassi i toni”
L’aggressione al dipendente comunale, anche il M5S contro il clima avvelenato dalle dirette del sindaco. D’Uva: “si mantengano bassi i toni”

L’aggressione al dipendente comunale, anche il M5S contro il clima avvelenato dalle dirette del sindaco. D’Uva: “si mantengano bassi i toni”

“Un episodio che testimonia l’inaccettabile clima di tensione che si respira in città, alimentato da continue esasperazioni, insulti, invettive acchiappa like e imbarazzanti show sui social”. Così il gruppo consiliare del M5S commenta l’aggressione di stamani ai danni di un dipendente comunale, colpito da un utente con una violenta testata.

“Non siamo a conoscenza dei particolari della vicenda, ma nulla giustifica in alcun modo un’aggressione fisica e violenta, che non possiamo non associare indirettamente al clima avvelenato che si respira sul web, ai danni di dipendenti comunali, dirigenti e agenti della Polizia Municipale, più volte finiti nel ‘tritacarne’ dei social a causa dei toni utilizzati, della furia cieca e delle reprimende in diretta, che rischiano di esasperare ulteriormente gli animi”, proseguono, facendo riferimento in particolare ai recenti blitz del sindaco Cateno De Luca e alla violenza verbale con la quale i cittadini vengono messi alla gogna mediatica: “Una costante che si ripete da anni, nei confronti di chiunque possa essere utilizzato ‘da nemico’, dai giornalisti alle più alte cariche dello Stato, malgrado i reiterati inviti al rispetto dei ruoli istituzionali e della cittadinanza tutta”.

A intervenire anche il deputato nazionale Francesco D’Uva: “Da tanto tempo – commenta – chiedo che, all’interno delle Istituzioni, si mantengano sempre toni bassi. Solo all’interno di un clima disteso, che favorisce sinergie e non scontri, è possibile fare il bene dei cittadini, tutelare i lavoratori e realizzare obiettivi concreti per la città”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su