Breaking News
Home / Politica / Circoscrizioni / Ponte Gallo, stop pedaggio: Biancuzzo chiede di incontrare il sindaco De Luca
Ponte Gallo, stop pedaggio: Biancuzzo chiede di incontrare il sindaco De Luca

Ponte Gallo, stop pedaggio: Biancuzzo chiede di incontrare il sindaco De Luca

Doppia richiesta del Consigliere Mario Biancuzzo. Alla eliminazione del pedaggio, in località Messina nord Messina, si aggiunge quella di un incontro con il Primo cittadino di Messina, Cateno De Luca. Obiettivo: porre fine alla “piaga” del pedaggio inflitta per raggiungere un territorio, appartenente allo stesso Comune di Messina. L’ingannevole denominazione “Villafranca” giustifica, da anni e anni, il pagamento del dazio (€1,20). La situazione va risolta.

Richiesta incontro con la Signoria Sua Ill.ma 

Si segnala una serie di episodi e di mal funzionamento del sistema automatico che regola il passaggio delle autovetture presso il box del pagamento del pedaggio sulla tangenziale uscita Ponte Gallo Comune di Messina, che chiamano erroneamente o ingannevolmente Villafranca.

Nello specifico il disagio arrecato agli avventori in transito riguarda l’inceppamento dell’asta che bloccandosi malgrado il pagamento effettuato impedisce agli automobilisti di transitare, per uscire dalla tangenziale in località Messina Nord, bloccandoli, creando file. Si evidenzia l’apposito campanello di allarme, help, predisposto ed utilizzato al bisogno dagli automobilisti bloccati non risolve nell’immediatezza il problema, visto che se tutto va bene occorre aspettare circa 20 minuti

Mi corre l’obbligo precisare che pur essendo tangenziale è il tratto più costoso sul territorio nazionale, infatti per percorrere 6 km nello stesso Comune bisogna sborsare € 1,20. Si precisa, inoltra, che la barriera in argomento non consente l’ingresso e l’uscita dell’autostrada in entrambi i sensi di marcia, trattandosi piuttosto di una bretella che consente la sola uscita per i mezzi provenienti dal centro della città e l’ingresso sulla bretella direzione Messina. 

Da qui la necessità di incontrare la Signoria Sua presso i suoi uffici in una data da Lei convenuta per ogni valutazione e le eventuali determinazioni di competenza, visto che 10mila firmatari di una petizione aspettano gli esiti e gli sviluppi per l’eliminazione di un pedaggio illegale e con una segnaletica ingannevole, mai rimossa. 

Con la stima di sempre invio i migliori saluti“.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su