Breaking News
Home / Cronaca / Assoluzione per l’ergastolano Timpani, il legale Basile: «Non è evasione»
Assoluzione per l’ergastolano Timpani, il legale Basile: «Non è evasione»

Assoluzione per l’ergastolano Timpani, il legale Basile: «Non è evasione»

Si è svolto ieri davanti al Tribunale di Messina, Giudice dott.ssa Mandanici, il processo a carico del milazzese Timpani Santi, ex collaboratore di giustizia e cognato del pentito Luigi Sparacio. L’ergastolano in detenzione domiciliare grazie ai benefici penitenziari era accusato di evasione con l’aggravante della recidiva specifica infraquinquennale. I fatti traggono origine, nel 2019, quando il Timpani veniva notato dai Carabinieri in un bar di Spadafora. L’uomo veniva, dunque, denunciato alla Procura di Messina.

Durante lʼudienza il Pm aveva chiesto la condanna a 1 anno di reclusione. Il difensore, lʼAvv Piera Basile, spiegava come il reato non sussistesse, contrariamente a come descritto nel capo di imputazione. Il Timpani era, infatti, autorizzato a lasciare il domicilio per recarsi sul posto di lavoro. Non si era, dunque, allontanato da casa senza autorizzazione. La circostanza che non fosse rientrato nellʼorario previsto – ha spiegato lʼAvv. Basile – può al massimo configurare lʼinadempimento degli obblighi imposti dall A.G. ma non il reato di evasione.

LʼAvv Basile ha esposto le seguenti evidenze. Chi decide di evadere non si reca in un bar dove può essere visto da tutti; lʼimputato non ha mai subito un processo per evasione, né ha ricevuto una condanna, pertanto anche lʼaggravante costituiva una inesattezza. Il Giudice ha, pertanto, assolto lʼimputato perchè il fatto non costituisce reato.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su