Breaking News
Home / Società / Sanità / Giornata Mondiale della Prematurità: da Messina a Mistretta i monumenti che si tingono di viola
Giornata Mondiale della Prematurità: da Messina a Mistretta i monumenti che si tingono di viola

Giornata Mondiale della Prematurità: da Messina a Mistretta i monumenti che si tingono di viola

Oggi 17 novembre, è la “Giornata Mondiale della Prematurità”. Sin, la Società Italiana di Neonatologia, ha stilato un rapporto sui nati prematuri .

“Ogni anno nascono nel mondo circa 15 milioni di neonati prematuri, cioè prima della 37ª settimana di gestazione, in Italia oltre 30.000, il 6,9% delle nascite, tasso che con la pandemia è aumentato all’11,2% nei parti da donne con infezione da Sars-Cov-2 (Registro Covid SIN).

Il 17 novembre, come ogni anno, si celebra la Giornata Mondiale della Prematurità.

Il tema della campagna di quest’anno è “Zero separation, Agiamo adesso. Non separare i neonati prematuri dai loro genitori”, promossa dalla European Foundation for the Care of Newborn Infants (EFCNI), per continuare a difendere il ruolo prioritario di mamma e papà, ancor di più in periodo Covid.

In occasione della Giornata, la SIN evidenzia alcuni importanti punti e mette in campo iniziative legate alla prematurità: l’impatto della pandemia sull’assistenza in Terapia Intensiva Neonatale (TIN); l’importanza della donazione del latte materno per i neonati prematuri; il ruolo del Follow-up dei neonati pretermine; gli Standard, per cure neonatali eque e di elevata qualità per tutti; la consueta illuminazione di viola di monumenti ed ospedali; i cuori viola della Prematurità, distribuiti quest’anno ai medici e agli infermieri delle TIN di tutta Italia e una diretta Facebook, dove mamme e papà potranno fare domande “live” ed avere risposta a tutti i loro dubbi e preoccupazioni.”

A Messina s’illuminano di viola il plesso centrale del Rettorato dell’Università di Messina e le facciate del Padiglione NI dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Gaetano Martino”, dove si trova l’UOC di Patologia e Terapia intensiva neonatale.“ Il colore viola è il colore dell’eccezionalità, così come eccezionali sono i piccoli prematuri che lottano per la sopravvivenza e i loro genitori”, dichiara la professoressa Eloisa Gitto.

Anche il Comune di Messina, ha voluto dare spazio all’iniziativa, illuminando la Fontana Senatoria di Piazza Unione Europea. “L’iniziativa vuole manifestare la nostra vicinanza alle famiglie che hanno figli nati prematuri e si trovano ad affrontare un evento improvviso e inatteso. Con il colore viola della Fontana Senatoria, l’Amministrazione comunale intende dare un segnale per sensibilizzare i cittadini su una tematica importante e particolare come il parto pre-termine”, ha dichiarato l’Assessore alle Politiche sociali, Alessandra Calafiore.

In provincia questa giornata viene celebrata proprio sulle linee guida SIN. Anche quest’anno il Comune di Brolo ha raccolto l’invito ad aderire alla campagna di sensibilizzazione della “Giornata mondiale della Prematurità”. Per l’occasione, da ieri sera, è stata illuminata di viola la Sede Municipale.

Anche il comune di Mistretta ha aderito all’iniziativa nel nome del piccolo Calogero Rivilli, il bambino nato prematuro nel 2016, e che ha festeggiato appena due giorni fa il suo quinto compleanno. La storia del piccolo Rivilli ha commosso il comparto mistrettese. Stamattina il piccolo si è recato insieme alla sua mamma a Palazzo Mastrogiovanni-Tasca di Mistretta a portare tanti palloncini viola per ricordare a tutti il significato di questa giornata.

Per l’occasione l’omonimo Palazzo è stato illuminato di viola dal 12 novembre. Obiettivo della Giornata è continuare ad accendere i riflettori sulla prematurità al fine di fare conoscere questa malattia grave, che può mettere seriamente a rischio la vita dei neonati e che rappresenta una sfida per la neonatologia e per la società.

Il viola è il colore simbolo, che collegherà tutte le regioni d’Italia che hanno aderito alla campagna di sensibilizzazione illuminando monumenti ed ospedali come in tante città di tutto il mondo.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su