Breaking News
Home / Società / Lipari: “Ho il cancro e non posso andare a Messina per una visita perché non ho il Super Green Pass”
Lipari: “Ho il cancro e non posso andare a Messina per una visita perché non ho il Super Green Pass”

Lipari: “Ho il cancro e non posso andare a Messina per una visita perché non ho il Super Green Pass”

Rosaria Casamento, 56enne residente a Lipari. Ristoratrice, moglie, mamma è una paziente oncologica sottoposta a micidiali sedute di chemioterapia…

Un corpo stanco, irriconoscibile, difese immunitarie sono basse, capelli che cadono. E’ un dramma interiore terribile per una donna guardarsi allo specchio e osservare ” impotente” i cambiamenti del proprio corpo. A tal punto che si ha paura del “domani” . Cosa mi accadrà? Morirò? Come dovrò fare a raggiungere il mio oncologo (che per chi è malato di cancro rappresenta l’unica via di salvezza, un supereroe)

Mancava solo il covid 19, questo maledetto mostro invisibile per sconvolgere l’esistenza di Rosaria e di chi, come lei, quotidianamente lotta contro il “maligno” (definito tale da chi è affetto da questo terribile male).

Rosaria non ha potuto fare il vaccino perché la chemio a cui è sottoposta è molto invasiva, per cui non è VACCINATA!

PER QUESTA RAGIONE LA SIGNORA ROSARIA DI LIPARI NON PUÒ PRENDERE L’ALISCAFO PERCHÉ NON HA IL VACCINO, PER CUI NON PUÒ ESSERE SOTTOPOSTA AD UNA VISITA DI CONTROLLO IL 19 GENNAIO A MESSINA.

“STATO E POLITICA AIUTATEMI”: IL SUO È UN GRIDO DI DOLORE, DI ALLARME DI PAURA: SPERA IN UN AIUTO.

Nelle mie condizioni – dice la donna, sposata, due figlie – lo Stato mi nega di poter viaggiare sull’aliscafo. Questo è un grido d’aiuto alla politica e quindi allo Stato. Da 14 mesi la mia vita è cambiata col cancro. Ho sentito le sofferenze più atroci della chemioterapia, ho perso i miei adorati capelli, mi sono vista il corpo mutilato nel profondo per una donna. Ho fatto con sacrifici e sbattimenti per un mese e mezzo radioterapia viaggiando con il mare in tempesta. Devo continuare il percorso ancora tanto lungo e con la consapevolezza di non conoscere il finale. Oggi lo Stato mi vieta di salire sull’unico mezzo a mia disposizione per raggiungere il luogo delle cure, solo perché non ho fatto il vaccino. Fino ad ora non ho potuto farlo proprio per i disturbi chemioterapici pesanti. Stato fai funzionare il mio ospedale così mi curo a casa mia e non ho bisogno di usare i `tuoi mezzi´. Ricordati che le nostre sono piccole isole hanno esigenze diverse dalla terraferma.”

LA SIGNORA ROSARIA LOTTA CONTRO UN CANCRO: RIMANDARE UNA VISITA DI CONTROLLO POTREBBE COSTARLE LA VITA!

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su