Breaking News
Home / Società / Ponte Gallo Messina, il consigliere Biancuzzo di nuovo sullʼeliminazione del pedaggio
Ponte Gallo Messina, il consigliere Biancuzzo di nuovo sullʼeliminazione del pedaggio

Ponte Gallo Messina, il consigliere Biancuzzo di nuovo sullʼeliminazione del pedaggio

Non molla il consigliere della VI Municipalità del Comune di Messina. Mario Biancuzzo, che sul punto ritorna da anni, ribadendo la necessarietà dell’eliminazione del pedaggio richiesto da Messina verso lo stesso territorio. Il politico spiega come Ponte Gallo insista nel comprensorio di Messina e non rientri – come viene erroneamente detto – nei confini del Comune di Villafranca Tirrena. Lo spiega nella nota a sua firma che segue.

Si fa seguito alla petizione del 2017 con la quale 10 mila cittadini chiedono la eliminazione di un pagamento illegittimo alla entrata ed uscita della bretella che collega il centro della città con i villaggi della riviera nord di Messina Nord, tramite tangenziale. La petizione ad oggi è rimasta inevasa presso le Istituzioni competenti locali, regionali e nazionali con la quale si è chiesto l’abolizione del pedaggio imposto ai cittadini in transito sempre sullo stesso territorio del Comune di Messina. Inoltre, a riguardo innumerevoli lettere aperte sono state inoltrate  per sollecitare gli organi competenti  alla risoluzione delle problematiche relative ad un pedaggio ormai equivalente ad un tributo iniquo e discriminatorio che da 50 anni vessa e penalizza non solo i residenti del vastissimo territorio della riviera nord, ma tutti i cittadini messinesi  del Comune di Messina, compromettendo attività commerciali ed imprenditoriali ed inficiando lo sviluppo demografico in una zona ben precisa del Comune di Messina. 

Pertanto, si chiede alle Istituzioni preposte qui citate e già interessate dalla legittima richiesta di abolizione del pedaggio di interrogarsi se sussistono le condizioni per l’interruzione della continuità territoriale a maggior ragione che riguarda la fruizione del transito libero da tributi all’interno dello stesso Comune di Messina”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su