Breaking News
Home / Cultura / Biblioteca di Messina “G. Longo”: un video inedito per ricordare le tradizioni del Carnevale
Biblioteca di Messina “G. Longo”: un video inedito per ricordare le tradizioni del Carnevale

Biblioteca di Messina “G. Longo”: un video inedito per ricordare le tradizioni del Carnevale

Alla Biblioteca di Messina “G. Longo” si celebrano le tradizioni del Carnevale con un filmato inedito.

L’Assessore Samonà: “Importante occasione per tramandare ai più giovani la memoria di un patrimonio culturale che rischia di andare perduto “Palermo, 24 febbraio 2022 – Un documento filmato inedito – coprodotto dalla Biblioteca regionale di Messina e dall’Associazione Kiklos/Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani – basato su un testo medievale di origine francese, “La Battaglia di Quaresima e Carnevale”, è stato presentato ieri, venerdì 25 febbraio, nella sala della Biblioteca “G. Longo” di Messina.

L’iniziativa, ispirata a “Le tradizioni carnascialesche nella città metropolitana di Messina e… oltre”, si inserisce nell’ambito della collaborazione avviata da tempo tra la Biblioteca Regionale Giacomo Longo, diretta da Tommasa Siragusa e l’Associazione Culturale Kiklos, presieduta da Mario Sarica, ideatore e curatore scientifico del Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani del Villaggio Gesso (Messina), ed è volta ad approfondire i cerimoniali della tradizione demoetnoantropologica di Messina e della Sicilia.

Il video, arricchito con sottotitoli e con letture drammatizzate, è stato prodotto in occasione di una perfomance realizzata nella Chiesa peloritana di S. Maria degli Alemanni.

Protagonisti sono gli attori musicisti Giuseppe Severini e Shirin Demma.”L’iniziativa programmata dalla Biblioteca di Messina – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – è un’importante occasione per rinnovare storie, usi e tradizioni culturali legate alle celebrazioni carnascialesche della Sicilia. Un modo per far conoscere anche ai più giovani quel patrimonio di suoni, canti, costumi provenienti da un passato molto antico in cui il carnevale rappresentava un periodo di festa e di rinnovamento. Una festa importante da recuperare, non soltanto per fare memoria di importanti elementi della nostra identità storico-culturale, ma anche quale occasione per trasmettere e condividere i valori della tradizione in un mondo, come quello odierno, sempre più globalizzato e privo di riferimenti”.

In occasione dell’iniziativa è stato possibile visionare anche una selezione tematica di monografie e periodici presenti negli archivi della Biblioteca attraverso cui accedere e approfondire, con modalità di ricerca semplificata, al prezioso giacimento culturale rappresentato dalle collezioni dell’Istituto.

Tale prezioso angolo espositivo è stato ulteriormente valorizzato dalle riproduzioni fittili di tre maschere in cartapesta del tradizionale Repertorio del Museo Pitrè, realizzate dall’artista Emanuele Castrianni.

L’iniziativa si inserisce nel cartellone della XV edizione de “Il volto e la maschera”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su