Breaking News
Home / Cultura / Messina, il prossimo 8 marzo ”Il cinema celebra la Donna”
Messina, il prossimo 8 marzo ”Il cinema celebra la Donna”

Messina, il prossimo 8 marzo ”Il cinema celebra la Donna”

Il prossimo 8 marzo, “Giornata internazionale della donna,” l’auditorium Fasola di Messina commemora con una manifestazione di sensibilizzazione sul tema della violenza sulle donne dal titolo “Il cinema celebra la Donna”. L’iniziativa, organizzata dall’associazione Apollo Spazio Arte, in collaborazione con la Fidapa Sez. Messina e l’associazione Duo Onlus, ha il patrocinio dalla Camera di Commercio di Messina rappresentata dalla dott.ssa Paola Sabella e di Studio Danza della Prof.ssa Mariangela Bonanno.

Un 8 marzo 2022 all’insegna della sensibilizzazione della collettività, dunque, e momento di riflessione attraverso l’arte, che per l’occasione si concretizza attraverso la cinematografia ed il contributo di artisti messinesi sensibili al tema della parità di genere.  Attraverso la sinergia di associazioni e di enti operanti nel territorio cittadino, si offre alla collettività un momento di riflessione su un tema molto attuale e trasversale, che vede coinvolti donne e uomini nella gestione quotidiana della vita.

La parità di genere deve passare attraverso una condivisione di valori trasversali e l’arte, nelle sue diverse forme, – musica, teatro, danza, cinema – offre una importante occasione di confronto. Appuntamento l’8 marzo, alle ore 20, presso l’Auditorium Fasola di via San Filippo Bianchi n. 30. Alla serata, presentata da Loredana Polizzi e da Genny Lello, offriranno un prezioso contributo gli artisti: il musicista e compositore messinese Gianluca Rando, l’attore e regista Antonio Lo Presti, il musicista pianista Carmine Calabrese e la cantante soprano Francesca Morabito, oltre a Rebecca Pianese, danzatrice della scuola Studio Danza.

All termine delle esibizioni, seguirà la proiezione del film “Una Femmina”, diretto dal regista Francesco Costabile, tratto dal libro “Fimmine ribelli” di Lino Abbate sulle donne vittime di violenza nel Sud Italia.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su