Breaking News
Home / Politica / Comune / Gino Sturniolo, candidato dalla sinistra a sindaco di Messina: “credo che lo spazio politico ci sia”
Gino Sturniolo, candidato dalla sinistra a sindaco di Messina: “credo che lo spazio politico ci sia”

Gino Sturniolo, candidato dalla sinistra a sindaco di Messina: “credo che lo spazio politico ci sia”

Habemus nomen.

Finalmente il nome di un altro candidato, questa volta della sinistra, a cercare di fermare la solitaria fuga di Federico Basile alla carica di sindaco di Messina.

Si tratta di Luigi, detto Gino, Sturniolo, ex consigliere comunale durante la sindacatura Accorinti (carica da cui si dimise perché entrato in forte contrasto con le scelte di bilancio, e non solo, dell’ex sindaco e della sua giunta) e attualmente bibliotecario alla biblioteca regionale ma anche un grande esperto di bilanci comunali e piani di riequilibrio.

Questa sera lo abbiamo contattato, ecco cosa ci ha detto:

In realtà non ho ancora deciso, penso di aspettare fino a Lunedi, è una forte responsabilità di cui voglio discutere e ragionare con tante persone, un impegno notevole per cui vanno soppesate tantissime cose. Non sarei onesto se non dicessi che questa scelta mi inorgoglisce, che si sia pensato alla mia persone per affidare un impegno cosi importante. Ovviamente sono molto tentato perché in questi anni ho lavorato davvero tanto su quelli che sono i temi del comune anche essendone fuori, non ricoprendo alcun ruolo. Credo che lo spazio politico ci sia. Ricordo che quando entrammo in rotta con Accorinti la cosa che ci dicevano era: << cosi farete tornare la vecchia politica >>. In realtà la vecchia politica non è tornata, è arrivato Cateno De Luca che i messinesi hanno scelto perché la vecchia politica non la volevano, ed io sono convinto che Messina la vecchia politica continua a non volerla e che ci sia la voglia e la ricerca di un opzione differente. E’ chiaro però che pur partendo da uno spazio politico esistente il fatto di riuscire a riempirlo, è davvero difficile. Ci vogliono strumenti e mezzi oltre che i contenuti. Non resta che ragionarci, ragionarci collettivamente, cosi presto potrò dare la mia decisione.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su