Breaking News
Home / Politica / Presentato alla convention Palermitana, il primo Assessore Regionale dal candidato a “Sindaco di Sicilia” Cateno De Luca
Presentato alla convention Palermitana, il primo Assessore Regionale dal candidato a “Sindaco di Sicilia” Cateno De Luca

Presentato alla convention Palermitana, il primo Assessore Regionale dal candidato a “Sindaco di Sicilia” Cateno De Luca

Si è tenuta sabato 30 aprile presso il cineteatro Golden di Palermo, la convention organizzata dal candidato alla Presidenza della Regione Siciliana Cateno De Luca, per presentare i candidati della Sicilia occidentale all’Assemblea Regionale Siciliana del movimento Sicilia Vera.

Dopo la messa in onda del video della vita di De Luca commentato dall’ex Jena Ismaele La Vardera, è stato ricordato ai presenti in sala che il movimento Sicilia Vera é nato il 18/3/2007 e nel 2011 il movimento si é presentato alle elezioni regionali con liste presenti in tutte le provincie Siciliane, prendendo il 3% dei consensi, facendo eleggere nel 2017 De Luca all’ARS, anche a seguito di un accordo politico con l’UDC.

De Luca dopo aver fatto il Sindaco a Fiumedinisi suo paese natio e a Santa Teresa di Riva, nel 2018 diventa Sindaco di Messina. Dopo l’intervento del suo “delfino”, attuale deputato regionale, Danilo Lo Giudice, che nel suo intervento ha sottolineato che l’ARS trovandosi alla data del 30 aprile e cioè nell’ultimo giorno utile per approvare l’esercizio provvisorio, senza bilancio di previsione, la mancata approvazione non ha consentito fra l’altro di avviare le stabilizzazioni del personale ASU, continuando nell’affermare che il Presidente Musumeci si trovava a Roma e non a Palermo, per ottenere la ricandidatura a Presidente della Regione, smentendo quanto detto negli anni precedenti pubblicamente più volte e cioè di non voler più fare il Presidente della Regione, al termine di questa legislatura.

Alla convention erano anche presenti due dei tre candidati a Sindaco di Palermo per il centro destra, Cascio e Lentini, che dopo un breve intervento, hanno salutato il leader incontrastato di Sicilia Vera, facendo intendere da “politici navigati”, che potrebbero anche valutare l’opportunità di appoggiarlo nella sua candidatura a “Sindaco di Sicilia”. Dopo gli interventi del Presidente di Sicilia Vera Pippo Lombardo e di Dafne Musolino, componente della Giunta esecutiva del movimento, la quale nel suo intervento ha spiegato magistralmente la piattaforma di Sicilia vera denominata “Orgoglio Siculo”.

La Musolino ha invitato gli iscritti a formare dei “Gruppi di liberazione” composti da 15 membri con a capo un portavoce, completando il suo intervento spiegando il “Patto di fedeltà”. I candidati a cariche pubbliche firmandolo, dopo essere diventati portavoce, dovranno dare al movimento una parte dell’indennità percepita, se saranno eletti a cariche pubbliche. Il tesoriere di Sicilia vera Beppe Picciolo, ha comunicato che fra qualche giorno il movimento si trasformerà in partito politico, con la possibilità quindi di dare a chi volesse farlo il 2 per mille della propria dichiarazione dei redditi al partito Sicilia vera.

La Giunta esecutiva del movimento, ha approvato il bilancio 2021,nel quale si nota che De Luca é stato il maggior finanziatore per svariati milioni di euro. Particolarmente interessante é stato l’intervento di Samuele La Vardera che riferendosi ai candidati a Sindaco di Palermo, ha affermato che potranno far parte di Sicilia Vera, se la loro azione sarà in discontinuità con gli schieramenti politici da loro rappresentati. Un’impiegata comunale di Palermo presente fra il pubblico é intervenuta spontaneamente dicendo a La Vardera di continuare così. Dopo aver fatto vedere al pubblico presente il video di De Luca che ha visitato il mercato del Capo di Palermo è salito sul palco De Luca il quale ha dato un mazzo di fiori alla mamma di La Vardera.

La mamma visibilmente commossa ha affermato di essere orgogliosa di avere un figlio come Samuele. La bella e brava presentatrice dell’evento Valeria Brancato, ha presentato subito dopo i candidati alla carica di deputato all’ARS della Sicilia Occidentale. Per la città di Palermo, De Luca con Lo Giudice hanno individuato con la “lanterna” lo stesso La Vardera e Giandomenico Maria Calì, che adesso vive sotto scorta, per aver denunciato i mafiosi. Per Agrigento il candidato é Salvatore Monte, mentre per Trapani sarà candidato Daniele Vito Mangiaracina. Per Enna é stata scelta l’attuale Sindaco di Valguarnera, Francesca Praià, eletta nel feudo elettorale di Mirello Crisafulli, soffermandosi sul fatto che é stata eletta senza aver promesso in cambio agli elettori nulla se non il suo impegno, invitando tutti a votare De Luca per liberare la Sicilia dalla “banda bassotti politica”.

La Vardera salito nuovamente sul palco ha presentato il primo assessore regionale della Giunta De Luca e cioè il Presidente dell’Ordine degli Architetti di Agrigento Achille Furioso. Furioso nel suo appassionato intervento ha detto che le infrastrutture nella sua città sono all’anno zero e che se vincerà De Luca la sua azione come assessore sarà “furiosa”, al fine di porre rimedio alla situazione di sottosviluppo infrastrutturale in cui si trova attualmente la Sicilia.

De Luca ha concluso la convention, soffermandosi sulla risoluzione del problema “baracche” della città di Messina, invitando tutti i presenti a alzarsi in piedi per commemorare il 40″esimo anniversario della morte di Pio La Torre, che secondo De Luca é stato un vero uomo che ha combattuto la mafia e non come quelli di ora che De Luca li ha definiti “squallidi politici” dell’antimafia, come ad esempio l’ex deputato Lumia.

Per quel che riguarda le baracche il 23/11/2005 é venuto a Messina persino l’ex Presidente del Consiglio dei Ministri Prodi, ma non é stato fatto nulla, fin quando grazie al “patto della madonnina” siglato con il partito di Forza Italia, avendo rispettato il patto con la candidatura alle Europee di Dafne Musolino,il partito di Forza Italia stesso ha tramite i suoi rappresentanti fatto calendarizzando al Parlamento Nazionale, dopo la venuta dei Ministri Gelmini e Carfagna, l’approvazione della legge, anche grazie al concorso delle altre forze politiche del PD e del Movimento Cinque Stelle che hanno fatto avere alla città di Messina 100 milioni di euro.

De Luca ha salutato i presenti dando appuntamento a oggi 1 maggio a Messina dove terrà un comizio per ricordare a tutti i cittadini Messinesi quello che ha fatto nei sui 3 anni e mezzo da Sindaco di Messina.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su