Breaking News
Home / Politica / Il Movimento Siciliano d’Azione scende nelle piazze Siciliane contro il caro bollette
Il Movimento Siciliano d’Azione scende nelle piazze Siciliane contro il caro bollette

Il Movimento Siciliano d’Azione scende nelle piazze Siciliane contro il caro bollette

Triplo appuntamento in Sicilia, organizzato dal Movimento Siciliano d’Azione, contro il caro bollette e la crisi energetica che rischia di mettere sul lastrico imprenditori, commercianti e famiglie.

Questo sabato, 15 ottobre, alle ore 17 di fronte la prefettura in via Etnea a Catania, e a Messina, sempre alla stessa ora, per raccolta firme e volantinaggio, a piazza del Popolo con inizio alle 16,30. Prevista anche una manifestazione a Palermo, lo stesso giorno, a ora e luogo da destinarsi

Di seguito il comunicato stampa:

“I mesi appena trascorsi e quelli che ci prepariamo ad attraversare sono stati e saranno decisivi, in una fase storica di crisi strutturale che spinge sempre più milioni di proletari verso la disoccupazione e l’impoverimento.

Stiamo assistendo al prosieguo di una guerra, che dura ormai da oltre sette mesi, di cui Ucraina è l’insanguinato campo di battaglia tra il tentativo degli Stati Uniti di mantenere la propria presa egemonica sul mondo e la volontà della Russia di rivendicare la costruzione di un mondo multipolare. L’Europa è direttamente coinvolta: i governi hanno rinnovato la loro fedeltà al patto atlantico e garantito il proprio supporto agli Stati Uniti, che dietro la retorica della difesa del popolo ucraino dall’aggressione russa tentano di nascondere il ruolo attivo che hanno avuto nel provocare e alimentare questa guerra.

Il governo italiano di Mario Draghi non è stato da meno, decidendo di raddoppiare le spese militari dei prossimi anni, portandole a ben 38 miliardi entro il 2028. La partecipazione attiva a questo, come ad altri conflitti è garantita anche dalla presenza di basi militari di proprietà degli Stati Uniti e della Nato, tra cui quella di Sigonella e il Muos di Niscemi, che sta anche devastando un’intera riserva naturale e provocando malattie ed emigrazione nella zona della Sicilia coinvolta.

E mentre si continua a inviare armi, lo Stato italiano si impegna anche a radicare sempre più la cultura della guerra. Un esempio di ciò è la cerimonia dell’alzabandiera svolta dentro la scuola primaria L.Capuana di Palermo (e in altre 30 scuole italiane) a cui hanno assistito gli alunni con i loro insegnanti, alla presenza dei militari delle varie Forze Armate al canto dell’Inno nazionale.

Una iniziativa che fa seguito al protocollo d’intesa siglato tra l’esercito italiano e l’Ufficio Scolastico Regionale per far svolgere agli studenti siciliani l’alternanza scuola-lavoro all’interno delle caserme, sotto gli ordini dei militari. Il protocollo ha l’obiettivo esplicito di ampliare i valori della guerra, che oggi più che mai necessitano di essere ripudiati. Ma il protocollo mira anche a “rafforzare la correlazione fra il sistema educativo e la valorizzazione del patrimonio artistico-culturale e naturalistico del territorio”. Una scelta tragicomica in Sicilia, che paga a caro prezzo la sottrazione di interi pezzi di terra perché soggetti a servitù militari.

La scuola-caserma non è la scuola che vogliamo, il PCTO non rispecchia né la nostra idea di scuola né di lavoro. L’alternanza scuola-lavoro di per sé è inaccettabile: rende studenti minorenni manodopera gratuita al servizio delle aziende – nelle quali muoiono anche, come dimostrato dai tre ragazzi morti quest’anno durante gli stage – serve a formare gli studenti alla precarietà, a convivere con ritmi insostenibili, lavorando diverse ore al giorno senza tutela. Il PCTO è il primo approccio con il mondo del lavoro. Un mondo del lavoro che produce precarietà, sfruttamento, lavoratori poveri, inquinamento, devastazione delle nostre terre.

All’aumento delle spese militari corrisponde una diminuzione marcata della spesa sociale. Oltre l’80% delle tasse che incassa lo Stato italiano provengono da lavoratori e pensionati. Quei soldi finiscono nelle casse di banche, istituti finanziari e imprese, non esiste alcuna redistribuzione né alcun ritorno sociale in termini di servizi.

Ad aggravare la situazione contribuisce l’aumento dell’inflazione e quindi dei carburanti, delle bollette, dei prezzi dei beni di prima necessità ormai in crescita costante da anni: la guerra rappresenta al massimo un punto di caduta piuttosto che la causa.

Siamo dentro una crisi profonda, che oggi sta assumendo anche il volto della crisi climatica ed energetica, i cui costi vengono scaricati come sempre sulle classi proletarie. Mentre il prezzo delle bollette vola alle stelle, aumentato del 162% nell’ultimo anno e del 60% a partire dal primo ottobre, le multinazionali dell’energia come Eni, Enel o Edison aumentano i loro profitti.

Di fronte a questo, lo scenario politico che si prospetta non è per nulla rassicurate: il governo Meloni che si formerà nelle prossime settimane porterà avanti con ancora più forza le politiche liberiste sostenute da tutti i governi, sia di destra che di sinistra, alle quali abbiamo assistito in questi anni e che ci hanno condotti nella catastrofe che stiamo vivendo.

L’introduzione della flax tax porterebbe a far pagare le stesse tasse a chi guadagna migliaia di euro al mese e a chi alla fine del mese non riesce neanche ad arrivarci.

Per di più, la generalizzata diminuzione delle tasse sarebbe finanziata dal taglio della spesa pubblica, che assesterebbe l’ennesimo, devastante colpo alla scuola e alla sanità pubblica, in favore dei privati e di chi può permettersi di pagarli.

L’abolizione del reddito di cittadinanza spingerebbe al di sotto della soglia di povertà assoluta milioni di persone che ne necessitano per riuscire ad avere un pezzo di pane sulla tavola: soltanto a Palermo sono circa 65 mila le famiglie che ne beneficiano.

La fase che dobbiamo attraversare è decisiva: non possiamo accettare ulteriori attacchi al walfare, mentre le bollette arrivano alle stelle e la disoccupazione dilaga.

Costruire opposizione sociale nelle scuole, nelle università, nei luoghi di lavoro, nei quartieri, nelle piazze è necessario, oggi più che mai. Il 15 ottobre scendiamo in via etnea, di fronte la prefettura, a Catania, contro la guerra, contro l’invio di armi, contro questo modello di scuola e di lavoro, contro il caro bollette, pretendere il diritto a una vita degna!”

#movimentosicilianodazione

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su