Breaking News
Home / Cultura / “Lʼesecuzione della pena e diritti umani”, il convegno Adu a Barcellona Pozzo di Gotto
“Lʼesecuzione della pena e diritti umani”, il convegno Adu a Barcellona Pozzo di Gotto

“Lʼesecuzione della pena e diritti umani”, il convegno Adu a Barcellona Pozzo di Gotto

Sabato 17 dicembre, presso la sala Biblioteca dell’Ordine degli Avvocati di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese, è stata la volta del convegno dal titolo “Lʼesecuzione della pena e diritti umani”.
I lavori sono stati introdotti dal presidente Adu, Avv. Carmelo Buccheri, che ha portato i saluti dell’associazione, seguito dal presidente dell’Ordine degli Avvocati, Antonella Fugazzotto.
Poi, un excursus sulla tematica dei suicidi in carcere a cura dell’Avv. Paolo Genovese, che in qualità di moderatore ha introdotto i relatori.
LʼAvvocato Piera Basile, responsabile della Commissione Carceri, ha invece esposto la tematica dell’evoluzione normativa e giurisprudenziale nell’ambito dellʼefficacia rieducativa della pena. Dopo aver argomentato sugli interventi della Corte Costituzionale, lʼAvv. Basile ha condotto una disamina sui diritti dei detenuti considerando la loro concreta attuazione analizzando alcune sentenze della Corte Costituzionale relative a casi concreti.
Ha poi preso la parola il dottor Rosania, psichiatra ed ex direttore dell Opg di Barcellona che ha parlato dei trattamenti sanitari sugli internati e della loro concreta attuazione. Il dottore Rosania ha poi esposto alcuni casi particolari in cui si è dovuto occupare nel corso della sua attività.
È infine intervenuta la Dottoressa Francesca Arrigo in qualità di presidente del tribunale di sorveglianza di Messina spiegando ai presenti l importante compito del magistrato di sorveglianza e soffermandosi sul trattamento rieducativo che va modellato sul singolo detenuto, evidenziando anche alcune problematiche del sistema carcerario.
Presente tra gli ospiti padre Pippo Insana che, chiamato ad intervenire, a fine lavori ha raccontato della propria esperienza di cappellano dell’Opg e ha spiegato quanto un buon avvocato possa, alle volte, salvare una persona sbandata rimettendola sulla retta via.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su